Rimborso rate modem TIM

Voglio documentare la mia esperienza nel richiedere il rimborso delle rate del modem per la fibra di TIM a seguito della Delibera 348/18/CON, per un abbonamento sottoscritto a fine 2018 che prevedeva obbligatoriamente l’addebito di 48 rate da 5 euro (!!) con cadenza mensile, nella speranza che sia utile a qualcun altro.

Come prima cosa ho letto attentamente l’articolo pubblicato su dday.it, in cui vengono elencati anche tutti i possibili casi in cui è possibile richiedere il rimborso, ti consiglio di fare altrettanto.

Il 10 marzo 2020 ho aperto segnalazione tramite la piattaforma ConciliaWeb di AGCOM, aprendo un procedimento contro TIM SpA (Kena mobile) con categoria Trasparenza Tariffaria.

Nel testo della procedura ho riportato:

Rimborso per un totale di 240 euro per acquisto obbligato di modem a rate contro Delibera 348/18/CON.

In meno di 24 ore mi hanno risposto con:

Tim, per spirito conciliativo, accoglie la richiesta dell’istante ed è disposta a rimborsare € 240,00 sulle coordinate bancarie indicate, a 120 giorni dalla sottoscrizione della presente, previa restituzione del prodotto, che dovrà essere inviato all’indirizzo di Telecom Italia S.p.A. c/o Geodis Logistics Magazzino Reverse A22, Piazzale Giorgio Ambrosoli snc 27015 Landriano PV. Copia della ricevuta dovrà essere allegata alla procedura CW e sarà vincolante per il seguito dell’accordo”.

A questo punto, la piattaforma ConciliaWeb genera automaticamente un verbale firmato digitalmente da te e dal referente TIM dove concordate di rispettare i termini dell’accordo raggiunto ed è anche necessario allegare un documento che provi l’avvenuta spedizione del modem. Io ho allegato la lettera di vettura del corriere SDA che ho prenotato tramite paccofacile.it.

Il 20 aprile 2020 ho finalmente ricevuto quanto pattuito attraverso bonifico sul conto che avevo specificato all’apertura del procedimento. Hurrà!

Comments